RELAZIONI DI COPPIA: E’ POSSIBILE COLTIVARE I SENTIMENTI NEL TEMPO?

Dott.ssa Annalisa Amadesi

Febbraio è il mese in cui, chi lo desidera, festeggia San Valentino, la festa degli innamorati.

Colgo l’occasione per condividere con voi qualche riflessione sull’amore, sui sentimenti all’interno delle relazioni di coppia.

Come sappiamo, quando due persone si incontrano e si piacciono ha inizio la famosa fase dell’innamoramento; io me la figuro come una danza, un intreccio armonioso entro il quale i partner si muovono allo stesso ritmo, incrociano i loro sguardi e si sussurrano promesse e desideri.

Con il passare del tempo, la conoscenza reciproca aumenta, si trascorre sempre più tempo assieme, i contesti dell’uno si intrecciano con i contesti dell’altro, si fanno progetti e, magari, si decide di andare a vivere insieme.

E’ risaputo ed inevitabile che, dopo diversi anni di matrimonio o convivenza, dopo magari l’arrivo di un figlio oppure due, l’innamoramento e la passione dei primi tempi lasciano il posto a sentimenti ed emozioni più pacate, da un lato forse anche più rassicuranti, ma per molte coppie questo rappresenta un problema.

La mancanza delle emozioni travolgenti e della passione dell’inizio spesso porta alcune persone a dirigere lo sguardo altrove, in cerca di nuovi stimoli, oppure i partner tendono ad assopirsi, dimenticandosi di quella danza perfetta in cui ci si muoveva all’unisono e si credeva fermamente alle promesse pronunciate.

Che fare allora?

Dobbiamo rassegnarci lasciando che il tempo che scorre usuri i sentimenti, oppure vogliamo provare a coltivare le nostre relazioni?

Io penso che il desiderio, la passione e lo stesso rapporto di coppia vadano sempre coccolati, innaffiati come si fa con un fiore che amiamo e che non vogliamo appassisca.

Zygmunt Baumann diceva che “le emozioni passano, i sentimenti vanno coltivati”.

Coltivare i sentimenti non è affatto semplice, richiede impegno, dedizione e pazienza, ma è assolutamente possibile.

Dobbiamo innanzitutto partire da un presupposto importante: dobbiamo pensare che nella nostra relazione di coppia ci saranno dei momenti di crisi, ci sarà da “sudare”, ci sarà da discutere, ma dalle crisi, se lo si vuole, si può uscirne eccome, ancora più forti e uniti di prima.

Esistono alcuni spunti e suggerimenti per cercare di coltivare i sentimenti nel tempo.

E’ fondamentale mantenere un tipo di comunicazione con il partner che viene definita “comunicazione intima”: ciò significa poter parlare di sè all’altro, dei propri sentimenti, delle proprie paure, dei sogni e dei desideri, con il privilegio di sentirsi accolti, ascoltati e capiti dal partner.

La comunicazione intima è molto presente nella fase dell’innamoramento, durante la quale ci raccontiamo all’altro e lui/lei fa lo stesso con noi. In una fase più avanzata del rapporto, invece, inizia a prevalere una sorta di “comunicazione di servizio”: “porti tu i bambini a scuola domani?”, “dobbiamo fare la spesa!”, “devi pagare le bollette”. 

Quest’ultima è sicuramente utile, ma non dobbiamo farcela bastare!

Dedichiamoci dei momenti, una cena o semplicemente una mezz’oretta ogni tanto, in cui parlare intimamente di ciò che vorremmo per noi, delle nostre paure, di noi stessi e ascoltiamo ciò che anche l’altro ha da raccontarci.

Un altro ingrediente, a mio avviso altrettanto importante, è una “sana distanza”.

Il desiderio dell’altro nasce appunto nella mancanza di qualcosa (o di qualcuno) che non c’è, o che non sempre c’è; l’errore che molte coppie fanno è iniziare a pensare che l’altro sia sempre disponibile, fino a, talvolta, darlo per scontato.

Proviamo invece a creare, per esempio attraverso attività e momenti individuali (uno sport, un nuovo interesse..), uno spazio tra noi e il nostro partner che ci consenta poi di riavvicinarci, per esempio parlando di ciò che abbiamo fatto o imparato (durante un nuovo corso che stiamo frequentando…) e stimolando l’interesse dell’altro rispetto a noi e rispetto a ciò che noi facciamo senza di lui o lei.

Potrei proseguire con qualche altra piccola indicazione, ma decido di fermarmi qui, perché mi piacerebbe che mi scriveste qualche vostro pensiero oppure che mi diceste come fate voi a coltivare le vostre relazioni.

Se il tema “relazioni di coppia” vi interessa, fatemelo sapere; ci sono molti argomenti da poter affrontare!

Ci sono 6 commenti

  1. Claudia
    16 febbraio 2018 alle 7:36

    Buongiorno dott.ssa Amadesi… la ringrazio per questo bellissimo post dal quale prendere spunto…io sono fidanzata da ben 9 anni e tra circa un anno abbiamo deciso di sposarci.. è vero qualche momento di crisi c’è ma se è amore con la A maiuscola si supera tutto… io e il mio fidanzato abbiamo un piccolo segreto cioè quello di chiederci scusa quando l’ altro ha sbagliato… cerchiamo entrambi di mettere da parte l’ orgoglio e il rancore e di riavvicinarci senza mai stancarci l’ uno dell’ altro.. ecco questa è la mia esperienza… Grazie ancora dott.ssa e sarebbe interessante leggere altri post come questo…

    Rispondi
    1. annalisa
      27 marzo 2018 alle 13:29

      Salve Claudia,
      grazie per il tuo commento. Credo che chiedere scusa sia davvero fondamentale, ed inoltre consente di osservare anche se stessi e riflettere su ciò che il nostro comportamento può provocare nell’altro.
      Continuate così!

      Rispondi
  2. letizia
    16 febbraio 2018 alle 9:58

    salve, dottoressa puo’ parlare di divorzio si sente molto parlare le andrebbe di farlo un post dedicato? Grazie A presto! 🙂

    Rispondi
    1. annalisa
      27 marzo 2018 alle 13:30

      Ciao Letizia,

      certo, dedicherò sicuramente un post al tema del divorzio.
      Grazie del suggerimento.

      Annalisa

      Rispondi
  3. Deborah
    22 febbraio 2018 alle 11:41

    Buongiorno Dottoressa Amadesi, purtroppo non sempre si è disposti a scegliere la strada della comunicazione..

    sarebbe interessante poter leggere consigli su come superare la fine di una storia lunga e importante..

    Rispondi
    1. annalisa
      27 marzo 2018 alle 13:32

      Ciao Deborah,

      hai ragione. Non sempre si riesce a comunicare efficacemente e questo può innescare non poche incomprensioni e difficoltà nelle relazioni.
      Ho dedicato il post che leggerete a breve alla fine di una relazione.

      Grazie del suggerimento

      Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I dati obbligatori sono contrassegnati con *
Il tuo commento *