NILOX BODYGUARD | Sicurezza al polso dei nostri bambini

Sponsorizzato

Federica Piccinini

C’è una linea molto sottile che divide la protezione dal controllo, io non mi sono mai ritenuta una mamma troppo ansiosa ma sono sincera, mi è successo più volte di ritrovarmi fuori da sola con i miei tre bambini e di avere paura.
Paura di perderli, paura di girarmi per guardarne uno e non trovare più l’altro. Una paura non del tutto infondata ma anzi, una paura che ho vissuto veramente un pomeriggio di qualche mese fa quando ero al parco e per qualche minuto non ho più trovato Ginevra. Attimi lunghi una vita che non auguro a nessuno.

Tutti abbiamo bisogno di sentirci sicuri e protetti ed i bambini più di chiunque altro, prima ancora del bisogno di amore ed appartenenza.
La chiacchierata che ho potuto fare insieme alla psicologa Ilaria Riviera è stata illuminante e sono felice di poter condividere con voi ciò che ho imparato da lei.
Ci sono due tipi di attaccamento che possiamo sviluppare con i nostri figli, l’attaccamento sicuro e l’attaccamento insicuro dove alla base c’è proprio il riuscire a soddisfare il loro bisogno di sicurezza o il non riuscire a farlo.

Nell’attaccamento sicuro il bambino si fida e si affida alla madre e questo gli consentirà di essere un bambino sicuro, un adolescente sicuro ed un adulto sicuro.
Ma quali sono i tratti che caratterizzano un bambino con attaccamento sicuro?

  • fiducia nelle proprie capacità
  • fiducia nelle capacità degli altri
  • convinzione di essere amabile
  • nessun timore di abbandono
  • capacità di sopportare distacchi prolungati
  • sicurezza nell’esplorazione del mondo

L’attaccamento insicuro è invece caratterizzato da questi tratti:

  • il bambino ha ansia e sfiducia in sè e negli altri
  • eccessiva prudenza e dipendenza
  • tendenza all’evitamento
  • paura del rifiuto
  • ansia da abbandono
  • convinzione di non essere amato

Il legame di attaccamento può essere modificato nel corso della vita, non vi colpevolizzate troppo, nessuno mette in dubbio l’amore incondizionato di una mamma per i propri figli ma tutto sta anche nel come glielo trasmettiamo e come riusciamo a farli sentire sicuri e quindi amati. E’ importante sapere queste cose e capire come poter creare un attaccamento sicuro.

Quali sono quindi gli elementi da tener presente per creare un attaccamento sicuro?

  • presenza, contatto visivo e fisico (tempo di qualità e presenza intesa come interazione, abbracciarsi, guardarsi negli occhi)
  • ascolto e comprensione (non svaluto le sue paure, il bambino deve essere ascoltato e compreso)
  • regole e controllo ( i bambini e gli adolescenti hanno bisogno delle regole ed anche se non ce lo diranno mai, le vogliono. Regole e controllo sono sicurezza e quindi amore)
  • stabilità e coerenza (nonostante i bambini abbiano sempre bisogno di stimoli nuovi necessitano di stabilità e coerenza, ovvero devono sentirsi dire la stessa cosa, da tutti )
  • competenza emotiva
  • amore incondizionato (non sembra ma è la cosa più difficile da trasmettere ad un bambino. Ricordiamoci di dire ai nostri figli che gli vogliamo bene per quello che sono non per quello che fanno. Ti voglio bene sia se ti comporti bene sia se ti comporti male, diciamolo ai nostri figli perché se per noi può essere scontato per loro non lo è).

Nel legame di attaccamento si sviluppa una certa autonomia ma se c’è un buon legame c’è sempre bisogno di tornare dall’altro…

“Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alla quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Quando saranno le quattro incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi, scoprirò il prezzo della felicità. Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora preparami il cuore”.
Da Il Piccolo Principe di Antoine De Saint Exupery

Nilox Bodyguard è a mio avviso il giusto compromesso che fa sentire più tranquille noi mamme e garantisce sicurezza al bambino.

Nilox Bodyguard è il primo dispositivo di sicurezza indossabile al mondo utile non solo per le persone che possono avere più bisogno di noi come bambini ed anziani, ma in generale per proteggere tutto ciò che ci è più prezioso. Si può infatti portare al polso come un orologio, ma anche agganciato a una cintura, alla bretella di uno zaino, al collare di un cane oppure posizionato nel cassettino di una macchina, nel sottosella di una moto o nascosto in una valigia.

Nel mio caso penso proprio ai miei bambini. Ginevra e Greta sono ancora molto piccole, ma già con Gianmarco mi sarà sicuramente utile in diverse situazioni. Pensate al mare quando ad Agosto la spiaggia è affollata e basta un attimo per perdere di vista il proprio bambino…non so voi, ma nonostante io cerchi di essere il più attenta possibile ho sempre avuto molto timore dei luoghi affollati.

Nilox Bodyguard è stato pensato, ideato e progettato interamente in Italia, è innanzitutto un telefono semplicissimo che funziona attraverso due soli tasti: il pulsante laterale accende e spegne il dispositivo, permette di consultare la rubrica ed interrompere le chiamate; con il tasto indicato dal simbolo Y di bodyguard è possibile invece rispondere, telefonare e, se tenuto premuto per qualche secondo, effettuare chiamate di emergenza a dei numeri preimpostati.

Tutte le impostazioni si gestiscono tramite una app gratuita per Android e iOS attraverso cui si associa lo smartphone (io ho associato il mio) e bodyguard. Ecco le principali caratteristiche:

  • Una volta acceso, può essere spento solo tramite la App
  • Può conoscere la posizione del bambino (solo tramite la vostra App abbinata) anche con scarso segnale: se il gps non prende comunica infatti tramite wifi o celle gsm
  • Si possono impostare fino a cinque aree protette (es. scuola, il parco, la palestra, ecc.) e sapere quando il bambino entra in queste aree e quando esce
  • Dispone della funzione dello storico degli spostamenti
  • Può accogliere in rubrica anche numeri fissi (ad esempio casa dei nonni)
  • E’ possibile impostare la risposta automatica, ciò significa che dopo 3 squilli a vuoto il dispositivo risponde e noi potremo sentire cosa accade intorno.

Nilox bodyguard è disponibile in tre varianti di colore (nero, viola e verde lime) , è venduto sul loro store online o nei negozi di elettronica ad un prezzo consigliato di 129,95 euro.

Per voi un super sconto! Acquistandolo sul sito www.nilox.com potrete pagarlo solo € 79,95 inserendo in fase di pagamento il codice BODYGUARDMUM (valido fino al 31 Gennaio). La trovo una bellissima idea regalo per Natale, che ne dite?

Ci sono 7 commenti

  1. letizia
    13 novembre 2017 alle 10:21

    Grazie Fede, per aver condiviso con noi adoro il libro del Piccolo Principe. 🙂 Ho un bellissimo ricordo di questo libro con la scuola avevo fatto un grande cartellone azzurro con tutta la storia e le immagini del Piccolo Principe e stelline adesive dorate insomma era venuto proprio bene Un abbraccio!

    Rispondi
  2. Lucia
    13 novembre 2017 alle 13:09

    Bellissimo! Condivido in pieno. Anch’io ultimamente ho scritto un post sul Rinforzo Positivo, dopo una lunga chiacchierata con una psicologa infantile. Ci vuole tanto impegno con i bimbi.
    Il dispositivo è favoloso. Credo che anch’io ne farò uso, ansiosa come sono.
    Un abbraccio.
    Lucia 💖

    Rispondi
  3. Arianna
    13 novembre 2017 alle 18:00

    Non ho figli, ma capisco al 100% questo timore. Per fortuna la tecnologia aiuta anche in questo! Terró a mente questo dispositivo, non si sa mai…

    Rispondi
  4. Cristina
    14 novembre 2017 alle 11:44

    Grazie Fede per aver condiviso l’esperienza che hai avuto con la tua piccola Ginevra; non è facile aprirsi su queste cose perchè anche quando ci si mette tutte le attenzioni di questo mondo, una mamma si sentirà sempre in qualche modo colpevole per quello che è accaduto o sarebbe potuto accadere al prorio bambino. In generale, articolo molto interessante per riflettere sul modo più corretto per gestire il rapporto con i propri figli. Un caro saluto! Cristina

    Rispondi
  5. Carlotta
    14 novembre 2017 alle 13:11

    Grazie x questo post fede!interessantissimo!io lo trovo geniale e sicuramente sarà un regalo che babbo natale porterà a mia figlia!un bacio!

    Rispondi
  6. Elena
    14 novembre 2017 alle 14:00

    Grazie Fede, soprattutto per le parole della psicologa, che fanno molto riflettere sul meraviglioso quanto difficile rapporto con i nostri figli e su quanto i nostri comportamenti incidono sulla loro sicurezza.

    Sarebbe davvero interessante sviluppare questo argomento in un post dedicato.

    Rispondi
  7. silvia giraudo
    16 novembre 2017 alle 15:28

    Veramente un post utilissimo e importante. Brava Fede!

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I dati obbligatori sono contrassegnati con *
Il tuo commento *