HYGGE: una vita più serena e accogliente, col metodo danese

Alessandra Aghilar

Uno dei trend più attuali degli ultimi tempi e di cui sono certa avete già sentito parlare, è quello del concetto danese di hygge. Il sito Visit Denmark lo definisce così: “significa creare un’atmosfera accogliente, piacevole, intima mentre si assaporano i piaceri della vita circondati dall’affetto delle persone care. La luce calda di una candela è hygge. Ma anche gli amici e la famiglia sono hygge. Per non dimenticare il piacere di mangiare e bere qualcosa in compagnia – chiacchierando di cose piccole e grandi per ore“.

Certo, però, dietro questa filosofia si nasconde molto di più e per imparare qualcosa al proposito mi sono munita del libro che tutti devono avere: Il Metodo Danese per Crescere Bambini Felici di Jessica Joelle Alexander e Ibe Sandahl.

E allora, come si può provare ad implementare questo metodo anche nella nostra quotidianità? Ecco 5 suggerimenti degli stessi autori.

il metodo danese
il metodo danese

1. Il giuramento Hygge (sì, tipo quello di Ippocrate). Lo potete scaricare qui. Questo insieme di linee guida include cose come: spegnere telefoni e tablet, accendere candele in casa, giocare e in generale avere una attitudine positiva verso le cose. Ed è sicuramente un ottimo memoranda per tutta la famiglia che vuole provare a vivere secondo le regole hygge: attaccatelo al frigo! 😉

2. State all’aperto e giocate insieme. I danesi dicono che non c’è cattivo tempo, ma solo vestiti inadatti e giocano all’aperto, quali che siano le condizioni metereologiche. È molto importante giocare in squadra; se si vede il proprio bambino giocare bene con gli altri, mostrarsi generoso e aiutare gli altri bambini, quel comportamento va sempre lodato. col tempo questo atteggiamento diventerà naturale e automatico, sia per i genitori che per i figli.

il metodo danese

il metodo danese

3. Godere del tempo in casa. Oggi noi mamme siamo molto più stressate di quanto non lo fossero le snottier. Le aspettative su di noi sono molto più alte, sia in casa che fuori. E a volte facciamo mota fatica a staccare la spina. Una delle tecniche higgle in questo senso è quella di farsi un bel bagno rilassante e chiudere la porta, sia fisicamente che mentalmente. E fuori dalla porta bisogna sforzarsi di lasciare tutte le liste delle cose da fare, le preoccupazioni, lo stress. Ci sarà tempo per continuare a preoccuparsi dopo.

4. Create dei momenti zero-tecnologia. Ok, questo è forse il punto più difficile, perché siamo sempre tutti connessi quasi h24. Ma concentrarsi su se stessi è davvero difficile avendo il telefono sempre in mano. Decidete un momento della giornata in cui spegnere telefoni e tablet. Uscite a fare una passeggiata senza oppure prendete un tè con un’amica o i vostri bimbi. La differenza sarà enorme in termini di benessere psico-fisico e il tempo con i vostri cari ancora più prezioso.

5. Cucinate insieme. Non pensate a torte o cupcake complessi e blemish. Mantenete le cose semplici, che sono quelle che poi ai bambini piacciono anche di più. Un ciambellone, dei biscotti di pastafrolla, i pancake per la colazione o un frullato… Impastare insieme è terapeutico e rasserenante, sia per la mamma che per i bimbi. E quello che piacerà di più ai vostri figli sarà sentirsi coinvolti, vicini a voi e bravi.

il metodo danese

Infine la cosa più importante: vivere hygge è vivere INSIEME, godere del tempo con i propri cari, il proprio partner, i propri figli, la propria famiglia.

Tutte le foto del post vengono dal blog My Little Treasures of Life 

Ci sono 9 commenti

  1. letizia
    2 ottobre 2017 alle 10:26

    Ciao Alessandra lo scaricato e lo attacco al frigo grazie dei consigli A presto un bacio 🙂

    Rispondi
    1. Alessandra Aghilar
      3 ottobre 2017 alle 18:59

      Grazie mille a te Letizia, felice ti sia stato di spunto!

      Rispondi
  2. Gianna
    2 ottobre 2017 alle 10:57

    Scusate ma come si può prendere a esempio di vita uno stile che non ci appartiene per niente? l’Italia non ha nulla da imparare in merito alla convivialità, al cibo, alla vita all’aria aperta……
    Il nostro sole, il nostro mare, la nostra campagna possono essere paragonati a qualcosa di più bello? Non siamo forse l’esempio di cosa vuol dire stare insieme attorno a un tavolo a sorseggiare vino?
    No, scusate, no…. questo Hygge proprio no!
    Siamo l’invidia del mondo intero, questa è una moda che non ci appartiene. Abbiate pazienza…. un po’ di sano orgoglio per la nostra meravigliosa Italia sarebbe utile e necessario!

    Rispondi
    1. Alessandra Aghilar
      3 ottobre 2017 alle 18:59

      Ciao Gianna,
      certamente l’Italia ha tantissime cose che gli altri ci invidiano, ma ci piace anche guardare agli altri per imparare qualcosa che magari, pur non essendo “tipico” della nostra cultura, può apportare migliorie a noi e alla nostra vita.
      Grazie mille,
      Alessandra

      Rispondi
      1. Gianna
        4 ottobre 2017 alle 11:53

        Mi trovi d’accordo ma stamparsi il giuramento Hygge mi pare davvero eccessivo.

        Rispondi
  3. Sara
    4 ottobre 2017 alle 13:01

    Brava Ale,
    è davvero uno stile di vita meraviglioso.
    Un abbraccio

    Sara Follemente_

    Rispondi
  4. silvia giraudo
    13 ottobre 2017 alle 12:25

    Ciao Ale… la vita Hygge non è niente di nuovo rispetto alla vita di campagna delle nostre province.
    Il problema è che molti se la sono dimenticata, presi dal lavoro e dalle mille attività che spesso vengono imposti ai bambini per tenerli occupati.
    Io nel mio piccolo con la mia Melissa ,cerco sempre di vivere Hygge, o meglio Italian Hygge 😉

    Rispondi
  5. Camilla
    27 ottobre 2017 alle 11:45

    mi piace questa filosofia di Hygge 🙂

    Rispondi
  6. Cristina
    30 ottobre 2017 alle 12:21

    Penso spesso alla vita delle famiglie del nord. Ed andandoci spesso in vacanza mi rendo conto del verde che hanno della tranquillità e di tutto il resto. Non dico che anche loro non abbiano i loro difetti ma mi piace ciò che respiro e vorrei proprio portare un po’ di nord in casa mia ci penso sempre.
    Me lo stampo e me lo tengo a portata di mano
    Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I dati obbligatori sono contrassegnati con *
Il tuo commento *