Il compagno che tutte vorrebbero avere: Roomba

Un robot aspirante che può veramente semplificare la vita.
Sponsorizzato

Manuela Morara

E va bene ve lo confesso: nella mia vita c’è un nuovo amore.

E’ diverso dal maschio italiano medio sotto tanti punti di vista, 3 in particolare: l’uomo medio sporca, non ti ascolta e non corre da te non appena hai bisogno. Lui no.

Ok ve lo presento allora, si chiama Roomba! Trattasi di un robot aspirante dotato di intelligenza propria e grande senso di autonomia (e di nuovo dà punti a marito). Che cosa mi spinge a preferirlo rispetto a un tradizionale aspirapolvere? Beh primo punto tra tutti – come vi dicevo – Roomba è autonomo. Mentre io me ne sto seduta al pc a lavorare, lui pulisce i pavimenti di tutta la casa, con grande gioia del cane che rimane sempre perplesso e un pelo infastidito.

La sua capacità di aspirazione è ottima anche lì dove c’è un esercito di briciole di biscotto di mio figlio, e i suoi sensori gli permettono di individuare se si trova su un tappeto o moquette così da aumentare notevolmente la potenza. Il mio amore Roomba non è molto alto lo ammetto, ma proprio grazie alla sua statura ridotta riesce a passare sotto la maggior parte di mobili, divani e letti, evitandomi così di doverli spostare o fare acrobazie circensi per infilarmi sotto col braccio. Tra l’altro pur essendo tondo, quando si avvicina ai battiscopa o a mobili squadrati, riesce a coprire tutte le aree grazie alle spazzoline che escono dal corpo principale.

L’ultima versione di Roomba – ovvero il 980 – prevede anche l’utilizzo dell’apposita App e lasciatemi dire che è una pacchia. IRobot ti permette di far partire il tuo robot quando vuoi in qualunque luogo tu ti trovi, anche preimpostandolo fino 7 volte a settimana. Puoi anche programmare il tipo di pulizia che preferisci: automatica, più potente, eco (che ti permette di risparmiare batteria se ad esempio hai superfici molto grandi da aspirare); puoi poi decidere se eventualmente far passare il Roomba due volte su ogni superficie (cosa che invece decide lui quando impostato in ‘automatico) o una volta sola. La batteria dura due ore e quando è scarico va da solo a ricaricarsi per poi eventualmente riprendere la pulizia.

Foto Sweet as a Candy Mag
© 2017 Sweet as a Candy Tutti i diritti riservati

La manutenzione è molto semplice perché Roomba ti avvisa quando è ora di svuotare il suo cassetto (nel caso della versione 900, l’avviso ti compare anche sull’app).

Cari compagni uomini, prendete esempio da questo robot aspirante che – senza alcun dubbio – è nato per semplificarci la vita e farci trovare il tempo per quella manicure che ci aspetta da giorni.