5 TREND PER LA PRIMAVERA

La Primavera è in arrivo, scopriamo insieme i 5 trend di stagione.

Marta Pistis

La moda si sa, è tutto un riciclo ed un corso e ricorso. In teoria, davvero non dovremmo MAI buttare nulla, nella pratica è più difficile mantenere il principio perché dovremmo ricorrere ad un armadio a dir poco infinito per poterci far entrare tutto. La cosa bella però è che ogni anno la moda ripesca da epoche diverse, mixando stili e generi, regalandoci sempre un modo nuovo per indossare qualcosa che magari nuovo non è.

Oggi vi parlerò di 5 tendenze che stanno spopolando e che saranno protagoniste della primavera in arrivo. Spulciate fra i vostri armadi, aprite i cassetti più reconditi che non si sa mai, probabilmente avete già in casa un capo che sarà perfetto per la bella stagione.

METTETE DEI FIORI… SUI VOSTRI PANTALONI
La stampa floral ad anni alterni è sempre presente fra le tendenze primaverili. Lunghi abiti fiorati, gonne a ruota, persino accessori su cui sboccia una sgargiante vegetazione (da Zara trovate adesso degli stivaletti interamente decorati con i fiori). Li abbiamo visti sulle passerelle di Valentino e Giambattista Valli ed ora i nostri amati negozi high street ne sono pieni. Quest’anno l’accento si posa in maniera particolare sui pantaloni: stampe floreali e ricami floreali arricchiscono questo capo una volta preso in prestito dal guardaroba maschile ma che oggi più che mai diventa icona di una nuova femminilità a cui piace giocare con gli stereotipi. Da Zara troverete splendide culotte fiorate delicatissime mentre da Topshop, per chi non volesse abusare dei fiori, dei pantaloni a sigaretta con le tasche arricchite da un ricamo floreale.

LE MAXI MANICHE

Maniche esagerate, quasi fossero sculture, roba da far invidia ai muscoli di Braccio di Ferro. Si sono viste su diverse passerelle fra cui Stella McCartney ed Isabelle Marant ed io ancora devo capire se il trend mi piace o meno. Diciamo che potrebbero approfittarne i fisici minuti, con le spalle piccole, per creare il look un po’ diverso ed evidenziare la parte superiore del corpo. Per chi fosse già spalla-dotato è difficile scegliere. Il modello a spalla calata non è male ma dovrei provare l’effetto su di me. Voi cosa ne pensate?

Io anche per questa stagione resto fedele alle maniche a campana/a flute/a calla che dir si voglia: sono comparse lo scorso inverno e con questa primavera ci hanno letteralmente colonizzato. In entrambi i casi io mi chiedo: ma nessun creativo ha pensato alla difficoltà di trovare il capospalla giusto per queste esagerazioni della moda?

NUDE SHOES
Se quest’anno siete indecise su quale colore di scarpe indossare, andate sul nude. Che siano decolleté, sneaker o le ciabatte da casa, se scegliete il nude non sbaglierete. E nel caso questo colore mancasse alla vostra collezione di scarpe avrete anche un buon motivo per lanciarvi all’acquisto. Se da una parte ho sempre trovato questo colore molto chic quando abbinato ad una calzatura elegante, vedi una bella decolleté, non avevo mai pensato al suo utilizzo sulle sneaker e, devo ammettere, mi piacciono tantissimo (ma cos’è che non mi piace?).

GINGHAM STYLE

Gingham: tessuto in cotone a quadretti solitamente bianco ed un colore forte (es. rosso o blu o nero). N.B.: da non confondersi con il Gangnam Style, che è tutt’altra cosa ☺ Questo romantico tessuto che aveva già fatto la sua comparsa nella scorsa collezione e anche in quella invernale, si riconferma anche per la primavera come il perfetto passepartout per le giornate all’aperto, le gite fuoriporta, il pomeriggio a passeggiare sul lungomare ed i pic-nic al parco (attente, il rischio è quello di essere confuse con la tovaglia). Come le righe, adoro anche questa fantasia geometrica, soprattutto in bianco e blu. Sa di fresco, di sole, di risate.

CALZE A RETE E DENIM
Ta da dada Tada dadà… Immaginatevi nella vostra testa l’incipit della sigla di Beverly Hills 90210. Fatto? I favolosi (?!?) e ruggenti anni ’90 sono di nuovo fra noi: le calze a rete nera sono ritornate (se tornano anche le spallotte imbottite ditemelo eh. No Maria, io non ci sto!).Potete amarle oppure odiarle (di solito non esistono mezze misure quando si tratta di capi del genere) ma preparatevi al loro bombardamento mediatico, specialmente se frequentate i social in generale e Instagram nel particolare. La rete si è fatta a maglia più larga, le collant si portano assolutamente sotto ai pantaloni, meglio se jeans e meglio se provvisti di numerosi strappi. Qualcuno ha poi lanciato la moda (a me incomprensibile) della fotografia con jeans e collant a rete che sbuca sopra all’orlo superiore dei pantaloni. Voci di corridoio dicono che l’uomo trovi estremamente sexy questa posa. Questo perché le fotografie riguardano pance sprovviste del più sottile strato di grasso (attente, perché l’effetto salama da sugo è dietro l’angolo).

Ci sono 10 commenti

  1. letizia
    13 marzo 2017 alle 12:18

    Sono daccordo con te Marta non si butta via gnente io invece con dei jeans vecchi mi sono fatta una borsa per il mare con l` aiuto di mia mamma W il riciclo grazie Marta.

    Rispondi
    1. Marta Pistis
      14 marzo 2017 alle 15:31

      Brava Letizia! Hai trovato un ottimo modo per riutilizzare il jeans! TOP!

      Rispondi
  2. Silvia
    13 marzo 2017 alle 13:14

    Sei fortissima Marta!! troppo simpatica 😉

    Rispondi
    1. Marta Pistis
      14 marzo 2017 alle 15:31

      🙂 Grazie Silvia! Un bacione

      Rispondi
  3. Maria Carmen
    15 marzo 2017 alle 10:56

    Brava Marta😘

    Rispondi
    1. Marta Pistis
      20 marzo 2017 alle 12:09

      <3 Un bacione!!!!

      Rispondi
  4. Simo
    15 marzo 2017 alle 21:27

    Bello questo articolo e i colori scelti!! Mi sono innamorata delle scarpe col fiocco…mi sai dire il Brand?

    Rispondi
    1. Marta Pistis
      20 marzo 2017 alle 12:16

      Grazie Simo! Intendi le sneakers in raso? Le trovi su Zalando, marchio Lost Ink. Se fai la ricerca in base a colore rosa/sneakers trovi tantissimi modelli di questo genere. Un Bacio!

      Rispondi
  5. Stefania
    17 marzo 2017 alle 20:56

    Buttare via i jeans vecchi……..sacrilegioooooo……devono essere sempre uno spunto per rientrati con dignita’ senza sembrare si stiz ballando la taranta per abbottonarli o entrarci tipo calate con un’argano,poi se non vanno di moda si tratta di pazientare,ma che soddisfazione sapere che ci entri!

    Rispondi
    1. Marta Pistis
      20 marzo 2017 alle 12:07

      hahah ti capisco e condivido il pensiero. Resta il fatto che nel mio armadio io tengo ancora un paio di Diesel dei miei 27 anni, taglia 25. Praticamente mi entra giusto il braccio nella gamba 😀 Credimi, non ci entrerò mai più! Un bacio, M.

      Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I dati obbligatori sono contrassegnati con *
Il tuo commento *